Il regista spiega la nascita del cameo ‘spaziale’ di Stan Lee.

Sappiamo quanto ai Marvel Studios piaccia sorprendere i fan, e questo significa prendere decisioni che spesso si allontanano dalle aspettative del pubblico o dalle storyline originali dei fumetti. Cambiare alcune cose nella trasposizione dalla carta al grande schermo serve a creare qualcosa di nuovo e fresco, che possa stupire chi sta guardando il film.

Ma non è sempre così; a volte, anche se in rare occasioni, succede che gli studios ascoltino le richieste dei fan e decidano di regalare qualche momento di fan service. È avvenuto con la presenza di un piccolo Peter Parker in Iron Man 2, o con il ritorno di J. K. Simmons nei panni di J. Jonah Jameson in Spider-Man: Far From Home, ma anche con il cameo di Stan Lee in Guardiani della Galassia Vol. 2.

Chris Pratt and Zoe Saldana in Guardians of the Galaxy Vol. 2 ...

Per anni è circolata la teoria che tutti i cameo di Stan Lee nell’Universo Cinematografico Marvel fossero collegati tra di loro. Com’è possibile? Semplice: secondo questa teoria, Stan sarebbe stato un membro della razza degli Osservatori, antichi esseri onnipotenti incaricati di osservare il Multiverso e registrare tutto ciò che accade. L’idea era che quindi Lee incarnasse una di queste entità, motivo per cui era sempre presente in ogni avventura dei supereroi della Casa delle Idee.

Era rimasta solo questo — una teoria, appunto — fino all’uscita di Guardiani della Galassia Vol. 2. Il film di James Gunn ci ha regalato un momento epico: durante lo spericolato viaggio di Yondu, Rocket, Groot e Kraglin attraverso lo spazio, vediamo Stan Lee in compagnia di un gruppo di Osservatori. Non solo è presente, ma sta raccontando loro una particolare avventura: il leggendario autore di fumetti parla di “quella volta in cui era un fattorino della FedEx”, che richiama il suo cameo in Captain America: Civil War.

Si tratta, come dicevamo poco fa, di un raro caso in cui i Marvel Studios si ispirano a ciò che gli appassionati inventano per primi. Lloyd conferma James Gunn su Twitter, citando proprio il cameo di Lee.

A volte è proprio così. Per esempio, il legame di Stan Lee con gli Osservatori è stato certamente ispirato dalle fan theory.

https://twitter.com/JamesGunn/status/1278833819181694979

Che ne pensate di questa scelta? Vi è piaciuto il cameo di Stan Lee in Guardiani della Galassia Vol. 2?

Lascia un commento