Che fine hanno fatto le Gemme dell’Infinito e in quali film Marvel le rivedremo (forse).

«L’universo richiedeva un correttivo, dopodiché le gemme non avevano alcuno scopo». L’inizio della fine di una prima parte dell’Universo Cinematografico Marvel parla per bocca di Thanos. (Josh Brolin). Siamo nelle fasi iniziali di Avengers: Endgame; Thanos come lo abbiamo conosciuto non esiste più. Ha raggiunto una sorta di nirvana lontano da tutto e tutti.

«Le gemme le ho distrutte, ridotte in atomi», sibila ai Vendicatori giunti per un secondo round che sarà breve, anzi brevissimo. Zac, il villain viene decapitato da Thor (Chris Hemsworth). Un attimo prima aveva sentenziato: «Ho usato le gemme per distruggere le gemme». Tutto si può dire di Thanos tranne che sia un bugiardo. In effetti le Gemme dell’Infinito sono perdute per sempre e Captain America (Chris Evans) e soci dovranno inventarsi il viaggio nel tempo per provare a ribaltare le sorti del match più importante della loro carriera.

Sappiamo tutti come va a finire tra i Vendicatori e Thanos nel finale di Avengers: Endgame. L’eroe dall’ego monstre – Iron Man (Robert Downey Jr.) – sfila le gemme al Titano, schiocca le dita e fa svanire per sempre l’orda del male. Tony Stark si congeda da amici e fan con un gesto eroico di grande portata. Muore facendo calare il sipario non solo sulla Fase Tre (mettiamo per un attimo da parte il transitorio Spider-Man: Far From Home) ma su un’intera stagione cinematografica durata oltre un decennio e 22 film, in cui se ci si sforza di trovare un fil rouge la risposta non porta che alle Gemme dell’Infinito, introdotte nell’MCU un poco alla volta e con sempre più peso nella narrazione.

Le “pietre della discordia”, nel finale dell’ultimo crossover sui Vendicatori, vengono rimesse al loro posto spazio-temporale da Steve Rogers, che viaggia un’ultima volta nel tempo per chiudere definitivamente la faccenda Thanos. «Mi raccomando, devi riportare le gemme al momento esatto in cui sono state prese o si creeranno un mucchio di brutte realtà alternative», la raccomandazione di Bruce Banner a Cap. «Non preoccuparti, Bruce. Eliminerò tutte le diramazioni», la risposta del supersoldato.

Quindi, in sostanza, le Gemme dell’Infinito hanno ritrovato la loro naturale collocazione. Certo, rimane il dubbio: e quelle ridotte in atomi da Thanos? In teoria sono da qualche parte nel multiverso, come confermato dagli stessi registi Anthony e Joe Russo nel corso del tour promozionale del film.

Del resto, anche l’Antico di Tilda Swinton aveva avvertito Bruce Banner (durante uno dei salti temporali del Golia Verde) della centralità delle Gemme per l’equilibrio del multiverso: «Se una di esse venisse eliminata, il flusso del tempo ne risentirebbe». È come se il multiverso dovesse la propria esistenza a quella delle Pietre dell’Infinito. Un legame che corre fino alla notte dei tempi, mai veramente esplorato fin qui dai Marvel Studios se non per qualche breve accenno (vedi Thor: The Dark World per quel che riguarda la millenaria contesa per l’Aether tra asgardiani e Malekith).

La sensazione è che, dopo Avengers: Endgame, gli studios abbiano intenzione di mettere in naftalina le 6 reliquie per un bel pezzo. Abusare dei loro benefici finirebbe per far somigliare gli Avengers ad una puntata senza fine di Dragon Ball (Gemme = Sfere del drago).

Certo è che, a partire dai prossimi film che inaugureranno la Fase 4, potrebbero venirne svelate le origini. Non accadrà quasi sicuramente in Black Widow, mentre è quasi certo che l’argomento terrà banco in Eternals, il film con protagonisti Angelina Jolie (Thena), Richard Madden (Ikaris), Gemma Chan (Sersi), Salma Hayek (Ajak) e Kit Harington (Black Knight).

La pellicola attualmente in fase di post-produzione è quella destinata a tracciare nuove strade nel MCU. Introdurrà un manipolo di esseri superiori – Gli Eterni, appunto – e le loro nemesi, i Devianti. Entrambe le razze esistono dall’alba della creazione come esperimento dei Celestiali, gli déi dell’universo, gli stessi indicati dal Collezionista di Benicio del Toro – il film è Guardiani della Galassia – come i possessori delle Gemme nel passato.

Gli Eterni, quindi, nell’andare ad introdurre questi essere sovrumani e gli ancora più enigmatici Celestiali, potrebbe rendere nota la genesi delle 6 Gemme dell’Infinito e i motivi alla base della loro creazione.

Non va dimenticato, infatti, di quando il Collezionista ha collegato le reliquie ai Celestiali, mostrando ai Guardiani della Galassia un filmato con uno di questi essere mitologici (Eson il ricercatore) intento a “falciare intere civiltà” proprio con l’ausilio di una delle Gemme. Tante le risposte da fornire nella Fase Quattro.

Lascia un commento