Il regista Scott Derrickson spiega il suo abbandono alla regia del sequel.

Sin da quando si è diffusa la notizia che Scott Derrickson, regista di Doctor Strange, non avrebbe diretto il sequel Doctor Strange in the Multiverse of Madness, in molti si sono chiesti cosa fosse andato storto. I Marvel Studios non hanno fatto mistero che ci fossero delle divergenze creative tra loro ed il regista, ma in un recente tweet Derrickson ha voluto chiarire la propria posizione.

Il regista ha confermato di essere rimasto come produttore esecutivo del film, che ricordiamo sarà invece diretto da Sam Raimi (la trilogia di Spider-Man, i film di Ash vs. Evil Dead). Derrickson ha fatto una scelta e sembra essere soddisfatto di questa decisione.

Non sono più coinvolto nell’MCU. Sono solo un lontano Produttore Esecutivo per il film che sarà diretto dal grande Sam Raimi, una scelta che ho fatto personalmente e di cui sono fiero. Ora mi occuperò di The Black Phone per la Blumhouse.

Quando Scott Derrickson abbandonò la regia di Doctor Strange in the Multiverse of Madness a gennaio di quest’anno, i Marvel Studios pubblicarono una dichiarazione per confermare e chiarire i termini della separazione:

A causa di divergenze creative su Doctor Strange in the Multivers of Madness, le strade dei Marvel Studios e di Scott Derrickson si separano senza rancore. Esprimiamo la nostra gratitudine a Scott per il suo contributo all’MCU.

Per capire quali fossero le divergenze di vedute artistiche tra i Marvel Studios ed il regista possiamo considerare la dichiarazione rilasciata durante il San Diego Comic-Con nel luglio 2019 da Derrickson in merito alla possibilità di dirigere il sequel di Doctor Strange:

Se io lo farò, dovrà addentrarsi in quel territorio che in primo luogo mi ha trascinato nei fumetti di Doctor Strange, il modo in cui sono immersi nell’orrore e nell’orrorifico, e faremo il primo film spaventoso del MCU.

Di contro, il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige, durante un intervento alla New York Film Academy nel dicembre 2019; alla domanda se Doctor Strange in the Multiverse of Madness fosse una specie di film horror aveva risposto:

Non voglio necessariamente dire che sia un film horror, anche se Scott Derrickson, il nostro regista, lo ha lanciato così. Sarà un grande film dell’MCU con delle scene spaventose, nel modo in cui quando ero un ragazzino negl’anni ’80 Spielberg fece un lavoro stupefacente. Voglio dire, ci sono scene paurose in I predatori [dell’arca perduta] io ero un ragazzino e facevo così [Feige si copre gli occhi con una mano] quando le loro facce si scioglievano. Oppure Il tempio maledetto, naturalmente, o Gremlins, o Poltergeist, questi sono i film che hanno inventato il rating PG-13, tra l’altro. Erano PG e poi è come se avessero detto ‘abbiamo bisogno di un altro [rating]’. Ma è divertente. È divertente venire spaventati in quel modo, e non in modo orribile, straziante, ma in una maniera che è – legittimamente spaventosa, perchè Scott Derrickson è abbastanza bravo in questo, ma – spaventosa a servizio di una emozione esaltante.

E voi che ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti.

Doctor Strange 2: il cinecomic è un horror a tutti gli effetti nel nuovo fan poster

Diretto da Sam Raimi, Doctor Strange in the Multiverse of Madness arriverà nelle sale cinematografiche il 25 marzo 2022.

Nel cast torneranno Benedict Cumberbatch (Stephen Strange/Doctor Strange), Elizabeth Olsen (Wanda Maximoff/Scarlet Witch), Benedict Wong (Wong) e Chiwetel Ejiofor (Karl Mordo), insieme alla new entry Xochitl Gomez.

Le riprese del film inizieranno a novembre presso gli studios di Londra.

Doctor Strange in the Multiverse of Madness fa parte della Fase 4 dell’Universo Cinematografico Marvel. Leggi la nostra scheda dedicata!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.