Il regista di WandaVision parla del ruolo di Elizabeth Olsen in Doctor Strange in the Multiverse of Madness.

Le riprese di Doctor Strange in the Multiverse of Madness, il sequel dedicato alle avventure dello Stregone Supremo interpretato da Benedict Cumberbatch, sono attualmente in corso presso gli studios di Londra. Il film sarà diretto dal leggendario Sam Raimi e vedrà il ritorno di Elizabeth Olsen nel ruolo di Wanda Maximoff, presumibilmente dopo le dolorose vicende di WandaVision.

Il film mostrerà moltissimi personaggi; sappiamo già della presenza di America Chavez (interpretata dalla giovane Xochitl Gomez), di Clea e di Fratello Voodoo; rumoreggiato il ritorno dei gemelli Billy Tommy (figli di Wanda e Visione), mentre Incubo potrebbe essere il villain principale; c’è anche chi sostiene che potrebbero apparire anche versioni differenti degli eroi che già conosciamo, come Tom Cruise nei panni di un Tony Stark proveniente da un universo alternativo o Chris Evans come Captain America in versione Hydra.

Durante un’intervista con TV Line, il regista di WandaVision Matt Shakman ha spiegato come il film porterà avanti la storia di Wanda Maximoff:

Con WandaVision, abbiamo cercato di raccontare una storia più o meno completa. Bisogna considerare che questi personaggi sono esistiti prima che noi ci mettessimo mano, ed esisteranno anche dopo, per cui non c’è un vero e proprio finale nella storia di Wanda Maximoff. Anzi, il prossimo film in cui la vedrete, Doctor Strange in the Multiverse of Madness, porterà avanti la trama di Wanda e la spingerà in angoli mai visti prima. C’è così tanto da raccontare per questo personaggio, è quello che ha sofferto di più in tutto l’MCU e stiamo iniziando a scoprire che è anche il più potente di tutti.

WandaVision e il collegamento con Doctor Strange in the Multiverse of Madness

Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios, ha recentemente affermato che alcune delle serie Disney+ serviranno da trampolino di lancio per i personaggi da catapultare nei lungometraggi dell’MCU (come Kamala Khan in Ms. MarvelKate Bishop in Occhio di Falco). Allo stesso modo, WandaVision potrebbe essere il trampolino di lancio per far assumere a Wanda Maximoff l’identità di Scarlet Witch, il soprannome con cui è conosciuta nei fumetti. Che potrebbe, quindi, essere ulteriormente esplorata su una scala ancora più grande in una versione cinematografica nel secondo film dedicato a Doctor Strange.

Ascoltare le parole gentili della Olsen sul regista Sam Raimi è incoraggiante, e sicuramente non è l’unica felice di vederlo lavorare di nuovo su un film Marvel. I fan di tutto il mondo sono entusiasti di vedere cosa Raimi abbia in serbo per l’MCU, e gli elogi della Olsen per i suoi metodi sono un grande segno che il regista darà grandi risultati con Doctor Strange in the Mutliverse of Madness.

Diretto da Sam Raimi, Doctor Strange in the Multiverse of Madness arriverà nelle sale cinematografiche il 25 marzo 2022.

Nel cast tornano Benedict Cumberbatch (Stephen Strange/Doctor Strange), Elizabeth Olsen (Wanda Maximoff/Scarlet Witch), Rachel McAdams (Christine Palmer), Benedict Wong (Wong) e Chiwetel Ejiofor (Karl Mordo), insieme alle new entry Xochitl Gomez (America Chavez) e Adam Hugill (Rintrah).

Le riprese del film sono iniziate a fine novembre presso gli studios di Londra.

Doctor Strange in the Multiverse of Madness fa parte della Fase 4 dell’Universo Cinematografico Marvel. Leggi il nostro speciale!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.