Elizabeth Olsen commenta il suo ritorno in Doctor Strange in the Multiverse of Madness.

Le riprese di Doctor Strange in the Multiverse of Madness, il sequel dedicato alle avventure dello Stregone Supremo interpretato da Benedict Cumberbatch, sono attualmente in corso presso gli studios di Londra. Il film sarà diretto dal leggendario Sam Raimi e vedrà il ritorno di Elizabeth Olsen nel ruolo di Wanda Maximoff, presumibilmente dopo le dolorose vicende di WandaVision.

Durante un’intervista con Variety, la Olsen ha commentato il suo ritorno nel film e del suo approccio al concetto di Multiverso:

Non sapevo nulla sul Multiverso quando stavamo girando WandaVision. Non ero sicura di quello che stesse succedendo. Quando ho visto Evan Peters sul set, ho pensato che fosse un modo intelligente per avere un nuovo Pietro Maximoff nell’MCU… Non ho capito il piano più grande del Multiverso fino a quando non ho iniziato a lavorare su Doctor Strange 2.

Non ho saputo quale fosse il mio ruolo in Doctor Strange fino a poco prima che tornassimo a girare a settembre, dopo la prima ondata della pandemia. Ci mancavano due mesi, e avevamo già girato la maggior parte del nostro show. Davvero, non ho saputo nulla fino a quel momento, quando me lo hanno spiegato a parole. È quasi come se stessimo cercando di fare in modo che Strange onori tutto ciò che abbiamo fatto su questo show.

L’attrice ha inoltre commentato le eccessive aspettative dei fan e della loro delusione derivante dall’ultimo episodio:

So che ci sono persone che volevano più sorprese sotto forma di cameo. Ma non so con esattezza quali fossero queste teorie dei fan, quindi ne sto venendo a conoscenza man mano. Paul Bettany disse qualcosa su un cameo folle, quando in realtà stava parlando di una scena con sé stesso, ma so che pensava che fosse una battuta divertente, e lo pensavo anch’io. Anche se un po’ pensavo che le persone avrebbero sospettato che ci fossero altre sorprese in arrivo, e infatti poi sono rimaste deluse. Ma spero che si siano comunque goduti la storia che abbiamo raccontato.

WandaVision e il collegamento con Doctor Strange in the Multiverse of Madness

Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios, ha recentemente affermato che alcune delle serie Disney+ serviranno da trampolino di lancio per i personaggi da catapultare nei lungometraggi dell’MCU (come Kamala Khan in Ms. MarvelKate Bishop in Occhio di Falco). Allo stesso modo, WandaVision potrebbe essere il trampolino di lancio per far assumere a Wanda Maximoff l’identità di Scarlet Witch, il soprannome con cui è conosciuta nei fumetti. Che potrebbe, quindi, essere ulteriormente esplorata su una scala ancora più grande in una versione cinematografica nel secondo film dedicato a Doctor Strange.

Ascoltare le parole gentili della Olsen sul regista Sam Raimi è incoraggiante, e sicuramente non è l’unica felice di vederlo lavorare di nuovo su un film Marvel. I fan di tutto il mondo sono entusiasti di vedere cosa Raimi abbia in serbo per l’MCU, e gli elogi della Olsen per i suoi metodi sono un grande segno che il regista darà grandi risultati con Doctor Strange in the Mutliverse of Madness.

Diretto da Sam Raimi, Doctor Strange in the Multiverse of Madness arriverà nelle sale cinematografiche il 25 marzo 2022.

Nel cast tornano Benedict Cumberbatch (Stephen Strange/Doctor Strange), Elizabeth Olsen (Wanda Maximoff/Scarlet Witch), Rachel McAdams (Christine Palmer), Benedict Wong (Wong) e Chiwetel Ejiofor (Karl Mordo), insieme alle new entry Xochitl Gomez (America Chavez) e Adam Hugill (Rintrah).

Le riprese del film sono iniziate a fine novembre presso gli studios di Londra.

Doctor Strange in the Multiverse of Madness fa parte della Fase 4 dell’Universo Cinematografico Marvel. Leggi il nostro speciale!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.