Come Captain America ha conquistato il mondo intero fuori dagli Stati Uniti.

Oggi sembra scontato che un personaggio come Captain America riesca ad appassionare un pubblico vastissimo. Ci appare logico che un vecchio Steve Rogers (Chris Evans), che ha deposto lo scudo per riuscire a coronare il sogno di quel ballo perso nel tempo, commuova il mondo intero.

Eppure, all’inizio, Captain America era un problema. O, per lo meno, era un personaggio assai complicato da gestire. Nel lontano 2011, quando il personaggio fece il proprio debutto, il suo nome “America” aveva ancora un’inflessione kitsch. Suonava propagandistico, retorico, ingenuo. È la pesante eredità che grava su chi nasce in tempo di guerra (il fumetto, non solo il personaggio) per chiamare i giovani ad una posizione, per segnare il racconto della guerra tra “buoni” e “cattivi”.

One Of The Coolest Captain America Comics Is Up For Auction

Certo, Steve Rogers nei fumetti si è evoluto, è diventato complesso e drammatico. Ma questo, gran parte del pubblico del cinema, non lo sapeva. Come riuscire quindi a convincere fuori dall’America a pagare per le avventure di un supereroe che, dal nome e dal costume, sembrava voler coccolare le fantasie nazionalistiche del nuovo mondo?

Captain America nasce quindi al cinema affrontando direttamente il suo passato. Era necessario un film per la sua origin story? No di certo. Ma serviva conoscerlo nella guerra, nei suoi giorni senza poteri, per capire che Steve non è l’America. Steve è l’ideale di un uomo buono.

Skinny Steve Rogers | Avengers movies, Steve rogers captain america, Steve rogers

Da qui cambia tutto. Captain America implode su se stesso. Si contorce nelle contraddizioni lancinanti. Inizia a vedere il proprio paese come lo vede il mondo esterno. Non troppo, ma quel che basta per un blockbuster dal respiro globale. I suoi sono valori universali, che talvolta si scontrano con quelli considerati tipicamente americani. In Captain America: Civil War, Steve Rogers compie un atto da terrorista. Non rispetta la legge, va in clandestinità. Perché crede nella libertà, anche a costo della sicurezza. Tutto questo mentre, nel mondo reale, veniva portato avanti un programma di sorveglianza di massa.

Nei giorni che precedono l’arrivo in sala del primo film, i produttori della Paramount Pictures (che allora distribuiva i film dei Marvel Studios) raccontavano Steve Rogers come «un simbolo di libertà, forza e determinazione. Qualità con cui il pubblico di tutto il mondo può identificarsi». Stan Lee stesso disse che il film non sarebbe stato «contro nessun paese o alcun gruppo di persone, ad eccezione dei cattivi, che possono appartenere a qualsiasi razza, confessione religiosa o nazionalità».

Captain America: The First Avenger - Marvel Easter Eggs and Comic References Guide | Den of Geek

Steve Rogers non crede (più) nell’America a partire da Captain America: The Winter Soldier. C’è lo specchio della guerra fredda, ma è solo un accenno. Bucky è espressione dei sovietici non più di come il Teschio Rosso lo era della “minaccia comunista”. Era piuttosto un novello Hilter, un dittatore spietato bramoso di controllo sul mondo. Ma nella storia Marvel al cinema non è ben chiaro quanto di questi eventi del mondo reale siano accaduti né in che modo.

I Marvel Studios portano le sue avventure fuori dall’America. In Captain America: Il primo vendicatore gran parte della storia è ambientata in Europa. Con Captain America: Civil War, il conflitto assume scala globale tanto da richiedere ai registi di indicare con didascalie il luogo in cui si svolge l’azione. Addirittura, Cap finisce esule in Wakanda.

Steve Rogers & T'Challa - Wakanda Scene (End Credits) Captain America: Civil War - Movie CLIP HD - YouTube

La Marvel si è spesso inventata luoghi di fantasia come quello sopra citato: Sokovia, Latveria e Madripoor sono tre esempi. L’America dei Marvel Studios, pur essendo metafora dell’oggi, non è diversa da una nazione di fantasia. Il presidente Ellis, “crocifisso” in Iron Man 3 è quanto di più generico un presidente possa essere (nei fumetti non è così).

Captain America è però il supereroe più politico. Non sappiamo dove metta la il suo voto nel segreto dell’urna (anche se lo possiamo intuire); sappiamo però quanto ha pagato le sue scelte. Steve prende posizione. Gli viene chiesto di essere una guida ma, quando ci si trova di fronte a un bivio non si possono provare entrambe le strade. E per questo si fa dei nemici e va in crisi.

Captain America: The Winter Soldier, le curiosità sul secondo film della saga – Universo Cinematografico Marvel

Il suo corpo ferito di fronte a Thanos non rappresenta più un’America a pezzi. È la carne di un ideale, non di un senso di nazionalismo. È un uomo che sta in piedi contro la corruzione, contro chi brama il potere per opprimere. Un nome ormai diventato vuoto, portato da un individuo pieno di tutto ciò che, comunemente, è considerata virtù. 

Ora lo scudo passa a Sam Wilson. Un americano che invece dovrà affrontare la sua nazione, i pregiudizi che si celano nelle sue strade, la divisione che la dilania. Lo scudo non è mai stato così conteso.

Leggi tutte le notizie sulla nuova serie Marvel, The Falcon and the Winter Soldier.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.